Informazioni e approfondimenti sulla salute dell'apparato cardiovascolare

Integratori per dimagrire e rischi cardiovascolari, cosa sapere?

Integratori per dimagrire e rischi cardiovascolari, cosa sapere?

Negli ultimi anni, va sempre più diffondendosi l’abitudine di assumere integratori per perdere peso. Questi prodotti possono essere associati ad una dieta sana, meglio se prescritta dal dietologo, e ad una dose equilibrata e ragionevole di attività fisica ed agiscono stimolando direttamente il metabolismo o diminuendo il senso di fame.
In entrambi i casi, possono avere un apprezzabile effetto sull’accelerazione della perdita di peso; pur essendo del tutto privi di risultati miracolosi, all’interno di diete ben impostate e con adeguata attività fisica, possono quindi dare un input al dimagrimento.

Tuttavia, bisogna considerare che l’uso di integratori in generale – e nel caso, di quelli per perdere peso – può essere associato ad alcuni rischi per la salute, soprattutto in soggetti che hanno problemi pregressi. Se è vero che perdere peso è un toccasana anche per la salute del cuore, è vero

però anche che alcuni prodotti per dimagrire possono avere un impatto negativo sulla pressione, coagulazione del sangue o sulla salute del cuore, o interagire negativamente con alcuni farmaci assunti per la salute cardiaca.

In particolare, vogliamo approfondire il rapporto fra i più comuni integratori per dimagrire in commercio e salute cardiovascolare, e in quali casi questi prodotti possono essere potenzialmente rischiosi per i soggetti che hanno problematiche al sistema cardiaco o vascolare. Chiunque soffra di problemi al cuore deve quindi riguardarsi dall’uso indiscriminato di prodotti che possono essere dannosi per la salute del cuore.

Vediamo quindi quali sono gli elementi più comuni contenuti all’interno degli integratori che possono interagire negativamente col sistema cardiovascolare, e quali sono da evitare in ogni caso per persone che hanno problemi di pressione e/o cardiaci.

Raccomandiamo in ogni caso, prima di iniziare l’assunzione di qualsiasi tipo di integratore anche non presente in questa lista, di effettuare un approfondito consulto medico spiegando eventuali patologie pregresse, sintomi e problemi cardiaci presenti in famiglia, per evitare l’assunzione inconsapevole di sostanze anche naturali che possono avere un effetto deleterio sulla salute del sistema cardiovascolare.

Integratori per dimagrire e salute del cuore

Quali sono i prodotti di cui è stata riconosciuta la pericolosità per la salute del cuore, presenti negli integratori per perdere peso? Ecco quelli più comuni.

  • Integratori con sibutramina. Ricordiamo che questo prodotto è stato ritirato dal mercato in quanto provocava dei gravi effetti collaterali, soprattutto nelle persone che avevano disturbi cardiovascolari. Di conseguenza non bisognerebbe mai assumere integratori che contengono questo prodotto.
  • Integratori a base di anfetamine o psicofarmaci o tiroxina. Questi integratori possono causare degli effetti collaterali sul sistema cardiovascolare, fra cui ricordiamo in particolare tachicardia, agitazione, ipertensione e anche tendenze suicidarie. Si raccomanda di non assumere mai questi prodotti per uso dimagrante e senza controllo medico.
  • Integratori con efedrina. Questa sostanza può causare vasocostrizione, aumento della pressione sanguigna e causare problemi come ictus ed anche infarto del miocardio, oltre ad altri gravi effetti collaterali.
  • Integratori con caffeina. Possono causare accelerazione del battito cardiaco, aumenti del livello di acido gastrico, fibrillazione ventricolare.
  • Integratori con forskolina. Gli integratori con forskolina sono spesso utilizzati nelle diete dimagranti, per perdere peso, ma ci sono profili da considerare che riguardano l’interazione con farmaci per il trattamento di patologie del cuore. In particolare, le persone che assumono farmaci anticoagulanti, farmaci anti-aggreganti piastrini, e farmaci nitrati (come quelli che vengono comunemente usati nel trattamento dell’angina e di disturbi cardiovascolari) dovrebbero sempre far attenzione all’uso di integratori che contengono C. forskohlii. Il C. forskohlii può infatti interferire con questi farmaci che operano per la cura di patologie e disturbi del sistema cardio-vascolare, e per questo motivo si rende necessario un previo consulto con il medico prima di assumere ogni tipo di integratore e in particolare quelli che contengono C. forskohlii e forskolina.